Crea sito

Archive for agosto, 2014

Ulisse…sapete… di Marisa Rossini

Posted by on mercoledì, 27 agosto, 2014

Sapete,

la falena bruciata dal fuoco

non è sparita : è diventata ciotolo

uno dei rotondi ciotoli delle fiumare

tra gli oleandri e le zampe delle pecore.

Uno dei tanti ciotoli

Quanti ciotoli!

E…..quante falene!

Credo di aver capito tutto

accidenti a me.

Ulisse è la falena

il fuoco è la Maga Circe.

La maga Circe non è una donna.

La maga Circe è ……

….un computer.

Un maledetto computer

che pulsa come un fuoco

e vive di falene.

Però i ciotoli sono veri.

314555_180692478738128_510995446_n


STONE di Paola Bajo.

Posted by on mercoledì, 20 agosto, 2014



Tu, mondo immobile
che osservi indifferente
le sofferenze della gente.
Tu, mondo sterile
che abbandoni impudente
anime dal grido assente.

-(lancerò il mio sasso)-

Voi, occhi chiusi
che vedere non volete
senza scrupoli sono fame e sete.
Voi, occhi appannati
che altrove guardate
innocenti pianti ignorate.

-(lancerò il mio sasso)-

Lì, dove il sole non c’è
polvere di distruzione
e sentore di morte v’è.
Lì, nei cuori stretti dal dolore
vago ricordo di ciò
che è umana dignità e valore.

-(lancerò il mio sasso)-

Tu uomo, animale addomesticato
che la violenza,
ragione di chi ha torto,
hai assimilato.
Tu uomo, essere vivente banale
che infatuato sei
dal potere e dagli dei.

-(lancerò il mio sasso)-

IO sognatrice
IO impotente
IO arrabbiata
IO COLPEVOLE
-lancio-il-mio-sasso-

(BjP) 19-08-2014

10483135_359515994196766_8121629813927574280_n


Il pianto dell’anima di Simona Maggiore

Posted by on lunedì, 18 agosto, 2014
Il pianto dell’animaE arriva la sera,
arriva il mio Io.

Non bussa…
sfonda la porta del silenzio
chiusa a dovere
durante il giorno.

Urla l’infinita solitudine,
piange…

L’amarezza sale
dal fondo del cuore,
un retrogusto amaro
invade la bocca,
inonda gli occhi.

L’anima si squarcia
lo strazio dilania
quanto rimane di me…

 

 

Simona Maggiore

 
autore dell’opera: Rafal Rola

10368245_267466383460298_6376127856792524998_n

Vanterie ….. di Morella Lovecraft

Posted by on lunedì, 18 agosto, 2014

Vanterie finto-meditabonde di
classi dirigenti
e ventiquattrore che urlano
soldi potere e sangue
e poi ancora tu
al limite esatto
tra bellezza e volgarità
a limarti unghie
per graffiare meglio
un’anima qualsiasi
per gettarla, poi, 
nell’immensa fossa comune
di coloro che tanto piacquero
al dolce crocifisso
e che nel difetto vivono 
qui da noi.

Illusi portatori di sangue onesto.

314555_180692478738128_510995446_n


Arma di Simona Maggiore

Posted by on domenica, 17 agosto, 2014

Affondi la tua spada
nella mia carne
e l’anima mia 
si sporca di sdegno.

Godi 
della mia sofferenza,
forte 
del tuo esser uomo,
infierisci
con l’unica arma
in tuo possesso
sulla mia libertà.

E ti maledico
per il tuo piacere.
E mi maledico
ché fine al mio supplizio 
non posso porre.
E maledico noi
fatti di carne e di Demonio.

Simona Maggiore

10560494_859595037413805_3591062159742313894_o


Mai mi è stato facile….. di Morella Lovecraft

Posted by on sabato, 9 agosto, 2014

Mai mi è stato facile
guardare nel cielo di primavera
il rincorrersi
delle nuvole 
che iniziavano a mancarmi
ancor prima che andassero
dove le nuvole vanno,
acqua e sogno.

E poi

Mai potrò impedire 
alle luci arancio
dell’autostrada 
di strapparmi l’anima
a morsi.

Fottute luci.

Ma le nuvole erano così bianche.

14313_433822503343620_748224922_n-1


facile
guardare nel cielo di primavera
il rincorrersi
delle nuvole
che iniziavano a mancarmi
ancor prima che andassero
dove le nuvole vanno,
acqua e sogno.

E poi

Mai potrò impedire
alle luci arancio
dell’autostrada
di strapparmi l’anima
a morsi.

Fottute luci.

Ma le nuvole erano così bianche.


THE END di Paola Bajo

Posted by on giovedì, 7 agosto, 2014

 

Alla fine del mondo
ritroverò le corde
del mio (tuo) sogno.

Quando i cristalli della mente
si frantumeranno
le radici dalla terra
si strapperanno.
Incantato prato fiorito
con azzurro cielo infinito
si fonderanno.

Alla fine del mondo
avvolgerò il filo
del mio (tuo) bisogno.

Quando le valvole della ragione
si fulmineranno
gli uragani dalla gabbia
si libereranno.
Siderale ghiaccio ribelle
con bruciante fuoco di pelle
si incateneranno.

Alla fine del mondo
quando il mondo
non più esisterà
della resistenza
l’affondo
sarà.

(BjP) 04-08-2014

12497_351102448371454_4722380289890365295_n

 —


IL BACIO MORTALE di Fabiana Persico

Posted by on domenica, 3 agosto, 2014

Sono piovuti troppi giorni
sul mio viso,
conosco troppe vie 
per non sapere chi sono,
le vedo tutte,
allineate
che si preparano a tracciare solchi
intorno ai miei occhi,
alle mie labbra,
al mio cuore,
ormai le vedo,
viuzze strette e profonde
che partono dalla mente
e piano invecchieranno il mio corpo.
La fragranza dell’ eterno
profuma invano questa carne,
silenziosa miseria,
della condanna umana.
Le stanze del tempo
stringono ogni parete
ed ogni spazio della mente
celebra ogni foglia caduta,
ogni estate andata.
L’innocenza si accumula
in ogni mia risposta mancata,
in ogni giorno sprecato,
in ogni notte priva di sogni.
Se il tempo cessa il suo tormento amore,
restiamo eterni bambini,
se si dissolve la materia Amore,
se la mente cede il passo all’ anima,
è immortale il respiro che ci resta .
Voraci. i giorni,
consumano le primavere,
svelti e maligni gli anni,
impolverano le nostre librerie.
L’ argento, ormai,ci dipinge capelli e passi
e divora l’oro
e i dipinti dei nostri corpi.
Lamento questo mio umano destino,
ma mi tramuto in vento,
in eterno soffio
nelle labbra che mi offri,
ed è invidioso ogni Dio
di questo nostro,
infinito,
bacio mortale.

FABIANA PERSICO

nella foto “AMOR ET MORS” opera di Roberto Ferri

10404120_10203615161732672_1966133751436057872_n

 — 


CHIAREZZE di Paola Bajo.

Posted by on venerdì, 1 agosto, 2014

Chi sei?
Fragile nuvola evanescente
di pensieri assorti
e sentimenti contorti,
attraversi
oceani di cieli infiniti
gonfi di pioggia-lacrime
per sogni svaniti,
intrisi di arcobaleni-sorrisi
per neri colori uccisi.

Dove vuoi andare?
Chiarezza devi fare.
Unicorno
che mille sentieri di vita
cavalchi,
il vento t’arruffa
la chioma,
dedali di domande-risposte
del tempo son
l’assioma,
la direzione giusta
l’esperienza a seguire
t’aiuta.

Quali i tuoi desideri?
Farfalla colorata
imparare devi
a sentire
in quale corolla è
il polline-nettare
che ti farà impazzire,
a piccole dosi
lo dovrai inghiottire,
poiché molto in fretta
potrebbe sparire.

Quale per te, il senso della vita?
Parole che non possono
descrivere-dire
la grandiosità
di tal sentire,
scavando nel profondo
forse si può capire
ciò che è molto difficile
da intuire.

Boccioli di rosa 
con gocce di rugiada 
bagnati,
destini già segnati
con desideri di chiarezze 
spruzzati.

(BjP) 29-07-2014

10154446_236027989920012_3297466316287071699_n